Efficiente sui social, anzitutto all’interno delle community Lgbt virtuali, per mezzo di alcuni pseudonimi: «Grinder boy» oppure Lino.